La premiazione venerdì 11 dicembre all’Università di Bologna

Così l’ottava edizione del contest mostra la forza della videonarrazione in rete e premia le migliori esperienze italiane in una giornata di formazione. Intervengono: Ivan Cotroneo, Giovanna Cosenza, Carmen Lasorella, Marco Massarotto, Alberto Nerazzini, Celia Guimaraes e Giampaolo Colletti. In giuria: Cinzia Bancone (Rai3), Alessandra Comazzi (La Stampa), Giovanna Cosenza (Università di Bologna), Luca de Biase (Sole24Ore), Gabriele Di Matteo (Repubblica Affari&Finanza). Presidente di giuria: Carmen Lasorella

Bologna, 1 dicembre 2015 – Video e storytelling, è questo il futuro della comunicazione in rete. Perché Cisco stima che entro il 2019 la rete sarà attraversata da circa un milione di minuti di contenuti video al secondo, il 79% del traffico dati globale. E perché un video di un minuto ha la stessa efficacia comunicativa di circa 1,8 milioni di parole (Forrester Research).

L’oscar del videostorytelling

Venerdì 11 dicembre l’ottava edizione del contest Teletopi premierà le migliori esperienze di videonarrazione in rete nel corso di una giornata di formazione che rivelerà come raccontare una storia attraverso video coinvolgenti. L’appuntamento è dalle ore 10 alle 18 presso il Dipartimento di Filosofia e Comunicazione dell’Università di Bologna (via Azzo Gardino 23). Interverranno: Ivan Cotroneo (sceneggiatore), Giovanna Cosenza (Università di Bologna), Carmen Lasorella (presidente di giuria), Marco Massarotto (Doing), Alberto Nerazzini (giornalista d’inchiesta), Celia Guimaraes (Rainews) e Giampaolo Colletti (storyteller e ideatore del contest Teletopi). L’ingresso è libero previa registrazione a questo link

I finalisti dell’edizione 2015

Venerdì 11 dicembre il barcamp con i progetti finalisti del contest. Cinque progetti per ogni categoria: brand videostorytelling per la miglior videonarrazione creata da aziende per veicolare il brand o un progetto in rete, community videostorytelling per la miglior videonarrazione proposta da piattaforme verticali e tematiche, social videostorytelling per la miglior videonarrazione legata a progetti di ONG o non-profit, news videostorytelling per la miglior videonarrazione proposta da testate giornalistiche. A seguire la premiazione dei vincitori decretati dalla giuria formata da esperti e critici televisivi: Cinzia Bancone (Tv Talk – Rai3), Alessandra Comazzi (La Stampa), Giovanna Cosenza (Università di Bologna), Luca De Biase (Sole24Ore), Gabriele Di Matteo (Repubblica Affari&Finanza). Presidente: Carmen Lasorella.

Teletopi® è l’oscar del videostorytelling in rete. Per sette anni premio dedicato alle migliori web tv italiane, nel 2015 muta pelle e punta l’attenzione sulla videonarrazione in rete. Ideato da Giampaolo Colletti (giornalista e storyteller), ha visto come presidenti di giuria: Carlo Freccero (2007), Silvia Tortora (2008), Irene Pivetti (2009) e attualmente Carmen Lasorella. Il premio è organizzato dalla società di comunicazione Fattore C.

I FINALISTI DEL PREMIO TELETOPI 2015

CATEGORIA BRAND VIDEOSTORYTELLING

EniDay – la piattaforma di storytelling promossa da ENI, dedicata alle nuove frontiere dell’energia e dello sviluppo sostenibile.

Coca Cola Journey – un viaggio nel mondo Coca-Cola Italia dove leggere e ascoltare le storie, le novità e i racconti che ruotano intorno all’azienda.

Nati per proteggere – progetto di videostorytelling con annesso contest promosso da AXA per dare voce alle storie di protezione e ai suoi protagonisti.

#EroiVeri – un progetto promosso da Amaro Montenegro per festeggiare i 130 anni: un racconto sulle persone che mettono la loro esperienza a disposizione della società e del bene comune.

Peninsula talks – rivista interattiva promossa da TIM per raccogliere le storie di persone che sono state capaci di reinventare il made in Italy.

CATEGORIA COMMUNITY VIDEOSTORYTELLING

Vegan Chronicle – la web serie comica che affronta il tema della scelta vegana ironizzando sui luoghi comuni e offrendo spunti di riflessione.

Rockin’1000 – esibizione collettiva di mille musicisti che hanno fatto il giro del mondo con un appello alla rock band Foo Fighters per la realizzazione di un concerto in Romagna.

I milanesi siamo noi – un mosaico digitale su Milano creato attraverso interviste (scritte e in video) e foto di milanesi nativi e adottivi.

Avamposto 42 – guida galattica per terrestri in missione: questo il pay off del sito web ufficiale della missione Futura dell’astronauta ESA Samantha Cristoforetti.

Sogni Possibili – la web serie di Donna Moderna basata sul mobile journalism e girata con i telefonini per raccontare le storie di chi ha realizzato il proprio sogno.

CATEGORIA SOCIAL VIDEOSTORYTELLING

#OgniGiorno – progetto di social storytelling focalizzato sulla quotidianità del lavoro della Fondazione Telethon, sulla malattia e sulle sue difficoltà, sullo studio dei ricercatori.

Lookout tv – web tv per capire le trasformazioni sociali e culturali in atto attraverso l’informazione partecipata e la condivisione.

Status – la prima web serie sul non profit: ispirata ai racconti dei volontari narra le avventure di un giovane che per amore tenta di diventare il cooperante perfetto di una missione in Albania.

Amitie – progetto europeo con l’obiettivo di diffondere consapevolezza sul tema della migrazione.

I giustiziati – web serie sule storie di diritti negati, dove l’azione penale rovesciata persegue la vittima anziché il reo.

CATEGORIA NEWS VIDEOSTORYTELLING

Non c’è problema – la web serie di Repubblica.it: dai piccioni alla morte al razzismo, sul lettino dell’analista le paure (tutte da ridere) diventano realtà.

Cronache di frontiera – su Skytg24.it la narrazione in presa diretta, senza intermediazioni giornalistiche, della vita nelle periferie della Capitale.

New York Tales – su ilSole24Ore.com il racconto multimediale delle storie di successo degli italiani emigrati negli States.

La Resistenza di Norma – su Corriere tv il lungometraggio nato dalle cinque puntate della web serie su Norma Parenti, partigiana uccisa nel 1944 dai nazifascisti.

True Numbers – la prima web serie e il primo sito di informazione che racconta i fatti usando solo numeri.

Share this