Pubblicato sull’argomento uno studio dell’Università di Tel Aviv, in Israele

Ancora guai per i telefoni cellulari. La diatriba sulla pericolosità di telefonini e smartphone sembra infatti non avere fine. Smentita una ipotesi di rischio, ecco che se ne presenta una nuova. A finire sotto la “lente d’ingrandimento” adesso sono le ghiandole salivari. Secondo uno studio dell’Università di Tel Aviv (Israele), pubblicato sulla rivista scientifica “Antioxidants and Redox Signaling”, le ghiandole salivari potrebbero subire i segni di un uso prolungato del telefono cellulare.

Queste sono le conclusioni dei ricercatori israeliani: tutti coloro che utilizzano troppo il telefonino, potrebbero portare nella saliva i segni evidenti di rischio tumorale, attraverso un aumento degli indici di stress ossidativo, accompagnato da riduzioni del flusso salivare e delle concentrazioni di proteine totali, albumina e amilasi.

Non si tratta di una diretta corrispondenza tra causa e sviluppo di neoplasie – precisano però i ricercatori dell’ateneo – ma solo una probabile compromissione della funzione ghiandolare salivare, nonché un’ulteriore ipotesi della possibile pericolosità a lungo termine di un utilizzo frequente del telefono cellulare”. (fonte: gosalute)

Share this